In 6 mesi: possibile!

Ognuno di noi porta con se’ una storia personale, fatta in particolare di sentimenti, pensieri ed obiettivi. Come accade a molti, arriva ad un certo punto del nostro vivere un momento in cui c rendiamo conto di aver pensato a tutto quello che ci circonda senza pensare prima di tutto alla cosa più importante: NOI STESSI.

E meno diamo peso al nostro benessere, più tutto quello che facciamo diventa più difficile. Ha tutto un senso. E’ necessario prendersi cura di se’ per poi essere in grado di trasmetterlo agli altri, altrimenti mancano le energie, la forza e lo stimolo.

Ci accorgiamo spesso troppo tardi che abbiamo aspettato e che pian piano nasce una consapevolezza dentro di noi. E’ a questo punto che deve nascere la voglia di una svolta, perchè il la differenza tra poter riuscire o meno è una sola: INIZIARE. 

Ci sediamo dietro ad una scrivania o ripetiamo per tutta la giornata le stesse azioni…ci giustifichiamo dicendo che facciamo movimento ma in realtà siamo sempre stanchi. Il corpo così si deteriora e perde forma. Abbiamo difficoltà a riprendere fiato. I muscoli si indolenziscono in fretta e vengono i mal di testa. Tutte scuse per non seguire il nostro istinto di muoverci seriamente. Il corpo è lì, immobile, al bar, davanti alla tv, arrabbiato per questa schiavitù.

Alla fine il dottore forse dirà: ” dovresti fare un po’ di moto” e con malavoglia sentiamo questo consiglio, ripiegati dal fatto che secondo noi facciamo già troppe cose! Ma sono quelle veramente corrette? Ci muoviamo nel modo giusto?

Fare esercizio regolarmente dopo tanto tempo di inattività è come ricevere un secchio di acqua gelida addosso al mattino mentre stiamo dormendo, una incredibile sofferenza…ma vi posso assicurare che passato questo ostacolo le prime volte, tutto migliora.

Inizia ad aumentare l’energia in modo costante, siamo meno affaticati, il processo digestivo migliora e diminuisce il senso di fame costante per il cibo spazzatura.

Il cuore è più sano, la milza, il fegato, i polmoni, le arterie ringiovaniscono ma anche mentalmente sentiamo un miglioramento: il cervello ha più ossigeno, la circolazione è pulita e siamo in armonia con i nostri istinti. Il movimento fornisce la stamina che combatte l’esaurimento.

Il moto è essenziale per sopravvivere, se gli permettiamo di camminare, correre, saltare, lanciare, tirare, il corpo costruirà un modello di forza, resistenza, coordinazione e di conseguenza…bellezza fisica.

In breve tempo sarà possibile scoprire una forma migliore.

Inizia sempre tutto con una consapevolezza, sapere che ognuno di noi può e deve avere di più da se’ stesso.

A questo punto bisogna solo decidere il come. La scelta migliore, come in ogni ambito, è quella di affidarsi ad un professionista in grado di guidarvi e quindi ottimizzare tempo e risultati.

Questa è la storia di Benedetta, che ha deciso di fare un investimento su di se’, iniziando un percorso personalizzato.

Abbiamo impostato un periodo di lavoro e siamo partiti. Anzi, il percorso lo ha fatto da sola, io le sono stato vicino e le ho dato di volta in volta le indicazioni su come procedere e superare ogni ostacolo. Il percorso prevedeva 3 incontri settimanali di 50 minuti per un periodo di sei mesi.

Il risultato lo abbiamo ottenuto grazie alla costanza, al rigore ed il suo fidarsi completamente delle indicazioni da seguire.

Benny , 42 anni -3 gravidanze

Periodo: Giugno 2015 –  Dicembre 2015 (6 settimane)

Peso: da 75 Kg ad 60 Kg ( – 15 kg)

Massa grassa: da 39% a 22% ( – 17%)

Giro vita: da 99 a 79 ( -20 cm)

Coscia: da 65 a 56 ( – 9 cm)

foto A foto B foto C